AgriturismiUmbria.Net
Agriturismi, B&B e Case vacanza

Aversa DOC

Vino (Bianchi; Spumanti)
Campania

Modalita' di produzione: caratteristica dell'Aversa Doc è la fermentazione lontana dalle bucce che si ottiene tramite immediata estrazione del succo dal frutto.A volte si evita la pigiatura, pressando direttamente le uve intere per separare il mosto dalle bucce e dalle altri parti solide. Alla pressatura seguono la sfecciatura del mosto, che consiste nell’allontanamento delle particelle in sospensione o fecce, la solfitazione con anidride solforosa e la fermentazione, che non deve superare i 20 °C di temperatura. Lo Spumante segue invece il metodo Classico o Champenois.

Zona di produzione: 22 comuni in provincia di Caserta e Napoli (Aversa, Carinaro, Casal di Principe, Casaluce, Casapesenna, Cesa, Frignano, Gricignano di Aversa, Lusciano, Orta di Atella, Parete, San Cipriano d'Aversa, San Marcellino, Sant'Arpino, Succivo, Teverola, Trentola-Ducenta, Villa di Briano e Villa Literno, in provincia di Caserta e Giugliano, Qualiano e Sant'Antimo, in provincia di Napoli)

Vitigni: almeno 85% da uve del vitigno Asprinio con l’aggiunta di altri vitigni a bacca bianca non aromatici per un massimo del 15%

Gradazione alcolica minima: 10, gradi (11 per la versione spumante)

Caratteristiche organolettiche: colore paglierino più o meno carico; odore abbastanza intenso, persistente, fruttato (mela annurca), floreale (biancospino), abbastanza fine; sapore secco, poco morbido, fresco, abbastanza sapido, abbastanza equilibrato, di corpo e una piacevole sensazione finale amarognola. La versione Spumante invece, di spuma fine e persistente, colore paglierino più o meno intenso, odore fine, fragrante, caratteristico, sapore secco e fresco

Tipologie: bianco e spumante

Abbinamenti: piatti fritti della cucina campana (alici fritte, piccole anguille fritte, rane fritte), mozzarella di bufala in carrozza, primi piatti al sugo di pesce senza pomodoro

Riferimenti normativi: La Doc Asprinio di Aversa è stata riconosciuta con DM del 31.07.1993 pubblicato sulla GU del 12.08.1993, modificato con DM del 09.02.1994 pubblicato sulla GU del 21.02.1994