AgriturismiUmbria.Net
Agriturismi, B&B e Case vacanza

Distillati di frutta trentina

Grappa e Distillati (Distillati di frutta)
Trentino

Descrizione del prodotto
Distillati di fermentati di frutta monospecie con gradazione dai 40° ai 43°.

 

Zona di produzione: Tutto il territorio provinciale

 

Cenni storici e curiosità
Al pari della distillazione della vinaccia da cui si ottiene la grappa, in Trentino l’arte del distillare i frutti si perde nella notte dei tempi. Questo avveniva in particolare per quei frutti dai quali si otteneva il sidro, cioè mele e pere, che nelle zone dove non cresceva la vite sostituiva il vino.
Per quanto riguarda invece l’abitudine di distillare i frutti a nocciolo e a bacca, si tratta di una pratica più recente, ma comunque vecchia di oltre due secoli e legata a tradizioni apprese con l’entrata del Trentino nell’impero austro-ungarico dove invece tale lavorazione era già diffusa e costituiva, anzi, la primaria fonte di produzione di superalcolici.
Anticamente si distillavano prevalentemente i frutti selvatici o semiselvatici, fra cui soprattutto la marasca e la prugna. Dal secondo dopo guerra in poi, l’abbondanza di materia prima coltivata ed il nuovo metodo di distillazione Tullio Zadra hanno fatto sì che la pratica di distillazione della frutta potesse decollare con una produzione di altissima qualità.