AgriturismiUmbria.Net
Agriturismi, B&B e Case vacanza

Vino di visciole

Bevande (Altre bevande)
Marche

Materia prima: visciole coltivate nel territorio dei comuni della Vallesina, zucchero, mosto di uve rosse (marginalmente vengono usate anche uve bianche).
Di colore rosso rubino intenso con riflessi violacei all’olfatto presenta percezioni olfattive di visciola, confetture e frutta rossa molto matura.
Al gusto in bocca trasmette sensazioni di notevole morbidezza pur conservando una discreta acidità, un'elevata persistenza gusto-olfattiva e retrogusto moderatamente amarognolo. Gradazione alcolica di circa 14.5 % in volume.
Il vino di visciole in questa zona delle Marche viene prevalentemente utilizzato come vino per dolci (soprattutto pasticceria secca e i dolci tipici della tradizione natalizia e carnevalesca della Vallesina), abbinato anche al cioccolato oppure come bevanda da meditazione.
Il vino di visciole si differenzia dal “Visner” poiché nella preparazione viene impiegato mosto in sostituzione del vino.

 

Territorio interessato alla produzione: Provincia di Ancona, in particolare nei comuni della Vallesina (San Paolo di Jesi, Cupramontana, Staffolo, Maiolati Spontini, Montecarotto, Castelbellino, Monte Roberto, Castelplanio, Poggio San Marcello, Rosora, Poggio San Marcello e Jesi).

 

Cenni storici e curiosità
Questo vino aromatizzato con visciole da diversi secoli è una produzione artigianale delle campagne della Vallesina.
Ci sono ricette risalenti alla metà dell’Ottocento ed una etichetta “Vino di visciola” da Cupramontana del 1925 circa (Museo dell’etichetta, Cupramontana).




Preferiti in Marche: