AgriturismiUmbria.Net
Agriturismi, B&B e Case vacanza

Patata di Posina

Verdure (Vegetali freschi)
Veneto

Territorio interessato alla produzione: Comuni di Posina, Laghi, Arsiero, Tonezza ed in generale tutto il territorio ricompreso nella Valle del Posina (VI)

La storia: La tradizione e la fama delle patate di Posina va di pari passo con quella dei fagioli della vallata. Si tratta di produzioni sviluppatesi dove le condizioni di scarsità di terreno e di profondità dello stesso, consentivano pochissime colture per la sopravvivenza delle comunità locali. La coltivazione della patata di Posina è annoverata in una pubblicazione del 1885 (estratto dell’Ateneo Veneto del dott. Pasqualigo) tra le produzioni oggetto di commercio con le vallate di Terragnolo. Inoltre è citata, nel 1962, da Eugenio Candiago nel suo libro sulla gastronomia vicentina ove si legge “Particolarmente pregiate le patate della Val di Posina per il loro gusto”. Si dice che negli anni ‘30 la patata ed il fagiolo di Posina fossero quotati in borsa merci.

Descrizione del prodotto: Le patate coltivate nella zona della Val Posina appartengono a diverse varietà e sono per la maggior parte la Bintje, la Desirèe e la Kennebek mentre una piccola percentuale è di Spunta, Lisetta e Primura. Tutte le varietà impiegate sono a pasta bianca o giallo-chiara e la buccia è bianca o rossa (prevalentemente bianca). Il seme per la riproduzione viene acquistato o riprodotto direttamente in azienda. Si tratta di una produzione di nicchia realizzata in modo tradizionale da piccoli coltivatori, commercializzata direttamente dai produttori in sacchetti di diverso peso o in cassette.

Processo di produzione: La patata viene coltivata ad una altezza variabile da 400 a 1.000 metri. Il terreno della zona è sabbioso, con ciottolato piccolo e friabile e questo, assieme al microclima locale favoriscono la produzione di amido e quindi di sostanza secca migliorando la consistenza della pasta e favorendo la conservabilità della patata. I terreni si preparano in autunno, arando, concimando e fresando. Si attuano concimazioni molto basse, in genere con letame bovino o equino maturo. Tradizionalmente le patate si piantano nella zona intorno al 25 Aprile. I trattamenti fitosanitari sono molto ridotti o del tutto assenti. Le lavorazioni e la raccolta sono per lo più manuali. Le patate precoci sono pronte a metà settembre mentre le medio-tardive, la maggioranza, a metà ottobre. La conservazione del prodotto avviene in cassette oppure in cumuli, in cantine adatte, fresche e buie.

Reperibilità: Essendo un prodotto coltivato quasi esclusivamente per l’autoconsumo, è reperibile durante la Festa del fagiolo che si tiene annualmente a Posina nel mese di Ottobre, o presso alcuni rivenditori locali.

Usi: Nella vallata si perpetua la tradizione del trasformato: tipici sono gli gnocchi di Posina, generalmente conditi con burro fuso e ricotta affumicata, la tradizionale polenta di patate di Posina, la classica polenta impatatà. Per prepararla si cucinano le patate e si schiacciano nell’acqua di cottura aggiungendovi un po’ d’olio. Quindi si versa la farina di mais e si cuoce normalmente per 40 minuti per fare la polenta; quando questa è quasi pronta si aggiungono pezzettini di formaggio fresco (di primo sale). Si può consumare morbida al cucchiaio o, meglio ancora, abbrustolita.