AgriturismiUmbria.Net
Agriturismi, B&B e Case vacanza

Carciofo romanesco del Lazio IGP

Verdure (Vegetali freschi)
Lazio

Zona di produzione: i seguenti comuni delle province di Viterbo, Roma e Latina: Montalto di Castro, Canino,Tarquinia, Allumiere, Tolfa, Civitavecchia, Santa Marinella, Campagnano, Cerveteri, Ladispoli, Fiumicino, Roma, Lariano, Sezze, Priverno, Sermoneta, Pontinia

Tipologia: Ortaggio appartenente alla famiglia Cynara Scolymus, derivante dalle cultivar Castellammare, Campagnano e relativi cloni

Descrizione: Il Carciofo romanesco del Lazio allo stato fresco, ha le seguenti caratteristiche: capolini di forma sferica, compatta, con caratteristico foro all'apice, colore da verde a violetto, brattee esterne di colore verde con sfumature violette. Il diametro dei cimaroli non è inferiore a dieci centimetri mentre il diametro dei capolini di primo e secondo ordine non è inferiore a sette centimetri

Note: Le radici della sua coltivazione vengono fatte risalire al tempo degli etruschi, come attestano raffigurazioni parietali rinvenute all'interno di alcune tombe della necropoli etrusca a Tarquinia. Tuttavia, fu solo dopo la seconda guerra mondiale che il carciofo cominciò a diffondersi con sorprendente rapidità, dispiegando pienamente le sue eccellenti proprietà organolettiche e la grande versatilità in cucina.

Riferimenti normativi: Prodotto IGP, Regolamento (CE) n. 2066/2002 della Commissione,del 21 novembre 2002 pubblicato sulla GUCE n. L 318 del 22/11/2002



Preferiti in Lazio: