AgriturismiUmbria.Net
Agriturismi, B&B e Case vacanza

Acqua di Melissa

Liquori (Infusi)
Veneto

Territorio interessato alla produzione:
Provincia di Verona

La storia:
Le proprietà curative della Melissa, comunemente chiamata anche cedronella, sono note fin dalle antiche civiltà. Il nome, della stessa radice di 'miele', veniva usato dai Greci anche per l'Ape, e l'appellativo Melissa veniva dato alle donne considerate particolarmente sagge e ricche di virtù; anche le Sacerdotesse dei misteri di Eleusi e di Efeso venivano chiamate Melisse. La usarono anche Romani ed Arabi, ed ebbe un periodo di grande fama come erba medicinale durante il Medioevo. Carlo Magno ne ordinò la coltivazione nei giardini medicinali del regno, in modo da averne sempre in abbondanza e l'Acqua di Melissa delle Carmelitane francesi era rinomata per la sua efficacia contro un vasto numero di disturbi, sia fisici, sia nervosi.
Le virtù medicinali della melissa sono contenute nelle sommità fiorite, oppure nelle foglie dove scorre uno speciale olio essenziale, che dà alla pianta un grato odore ed un gustoso sapore di limone. La melissa è sempre stata consigliata nei postumi delle paralisi, nelle debolezze muscolari, nei tremori dei vecchi, nei languori fisici e morali susseguenti a lunghi patimenti. E' molto indicata nelle convulsioni, nelle nevrosi, nell'isterismo ed in ogni forma patologica afferente il sistema nervoso. Stimola l'appetito, rinforza lo stomaco in caso di indigestioni, aiuta ad espellere gli eccessivi e noiosi gas intestinali.

Descrizione del prodotto:
L’Acqua di Melissa è un alcool a 80° aromatizzato con essenze in sospensione di Mellica Turca/Moldavica, cedro, garofano, cannella e acqua distillata. Si presenta con un profumo forte, alcolico, con flessioni speziate, mentre il gusto è ricco e intenso.

Processo di produzione:
La melissa fresca o secca va fatta bollire in acqua assieme a buccia di limone grattuggiata, cannella, chiodi di garofano, polvere di noce moscata, radice di angelica e coriandolo. A bollitura avvenuta si aggiunge della grappa in quantità pari a quella dell’acqua e l’infusione va mantenuta per almeno 6 mesi, mescolando periodicamente, prima che il prodotto venga imbottigliato e messo in commercio. L'acqua di melissa dei Carmelitani scalzi, tutt'oggi prodotta a Venezia, si prepara con 150 grammi di melissa fresca o 60 di secca, 30 grammi di buccia di limone grattugiata, 15 grammi di cannella, 15 di chiodi di garofano, 15 di polvere di nocimoscate, 5 grammi di radice di angelica e 5 di coriandoli. Il tutto viene bollito per cinque minuti in mezzo litro di acqua, vi si aggiunge mezzo litro di grappa e si espone al sole in un vaso ermeticamente chiuso per circa tre settimane. Alla fine si filtra e si conserva il liquido così ottenuto in bottiglie ben chiuse.

Reperibilità:
Presso alcuni rivenditori del veronese e del Veneto centro meridionale il prodotto è reperibile durante tutto l’anno.

Usi: l’Acqua di Melissa si prende nella misura di un cucchiaino di caffè diluito in un po' d'acqua prima dei pasti principali. L'acqua di melissa dà gli stessi risultati se presa nella misura di trenta o quaranta gocce su di una zolla di zucchero. E' un ottimo calmante, facilita le digestioni difficili, combatte le nausee ed il vomito, ridà colore alla faccia nei frequenti mal d'auto o di mare.