AgriturismiUmbria.Net
Agriturismi, B&B e Case vacanza

Asparago di Zambana

Verdure (Vegetali freschi)
Trentino

Descrizione del prodotto
Asparago bianco coltivato in pieno campo, che trae le sue peculiari caratteristiche organolettiche (delicatezza di gusto, tenerezza e sostanziale assenza di fibra) dalle particolari condizioni pedoclimatiche e dalle tecniche di coltivazione.

 

Zona di produzione: Alta Valsugana, Bassa Valsugana, Val d'Adige, Alto Garda, Vallagarina

 

Cenni storici e curiosità
Anche se la coltivazione dell’asparago nel Trentino vanta una tradizione plurisecolare, non esiste tuttavia una varietà, o anche solamente un ecotipo, identificabile come "Asparago di Zambana". Il materiale vegetale usufruito per la realizzazione degli impianti d’asparago è stato sempre importato da altre regioni europee o autoprodotto in zona a partire da seme di queste.
Le prime notizie circa la coltivazione dell’asparago in Trentino, riscontrate in bibliografia, risalgono ai primi anni dell’ottocento (1811-1812) allorché, in seguito all’incorporamento del Trentino nel Regno Italico, voluto da Napoleone, nel 1810 furono pubblicate sulla rivista "Annali dell’Agricoltura del Regno d’Italia" delle memorie d’autori vari circa lo stato dell’agricoltura locale. Già in quegli anni era coltivato l’asparagus officinalis a partire da semi provenienti da Ulma (Germania), "ne’ campi sabbiosi dietro l’Adige", con risultati soddisfacenti, quantomeno sotto l’aspetto delle qualità organolettiche dei prodotti, che, a detta dei corrispondenti di allora, "…mi parvero sempre assai più saporiti di quelli che mangiassi mai in Italia o in Germania".
Esiste inoltre una produzione, oggi esclusivamente per autoconsumo, d’asparagi di Zambana in salamoia, conservati in vasi di vetro.