AgriturismiUmbria.Net
Agriturismi, B&B e Case vacanza

Mele del Monferrato

Frutta (Frutta fresca)
Piemonte

CARATTERISTICHE DELLE VARIETA’ LOCALI DA SALVAGUARDARE, METODICHE DI COLTIVAZIONE E/O VOCAZIONALITA’ TERRITORIALE CONSOLIDATE NEL TEMPO: Brevemente, si indicano le principali caratteristiche delle varietà locali di mele ancora coltivate e commercializzate nel Basso Monferrato:
· Canditin-a: mela rinvenuta nel territorio di Odalengo Piccolo e nei paesi confinanti. I frutti sono grossi, di forma arrotondata, di colore rosso sfumato; la polpa bianca è leggermente asprigna e molto succosa. Nel passato, era usata molto in giugno come dissetante durante la mietitura. Si ipotizza che il nome di questa varietà sia derivato dal nome di una donna che si chiamava Candida (diminutivo dialettale affettuoso “Canditin-a”) che aveva un melo selvatico in una vigna di sua proprietà. Pur non essendo innestata, questa pianta si mise a produrre frutti grossi, abbondanti e originali. Furono subito parecchi i conoscenti che chiesero alla “Canditin-a” un rametto per l’innesto.
· Ciucarin-a: mela diffusa in tutto il Monferrato, dalla forma allungata, di colore giallo sfumato rosso; la polpa è croccante e dolce. La sua caratteristica principale sono i semi che, al momento della maturazione, si staccano dal loro alveolo, e, agitandola, producono un suono caratteristico.
· Pom Marcoun: mela tipica del Monferrato Astigiano Casalese. La forma è arrotondata, il colore rosso verde, la polpa è croccante, dolce e aromatica. Può essere conservata fino a marzo se mantenuta in ambienti freschi. Questo tipo di mela viene anche usato per preparare dolci con ricette di una volta.
· Ruscai-o: mela tipica di Odalengo Piccolo. Le sue caratteristiche sono la lunga conservazione naturale fino a maggio, la forma arrotondata leggermente appiattita, il colore verde giallo sfumato di rosso, con la polpa croccante non esageratamente dolce. Gli anziani del paese ricordano che, al momento della raccolta, questa varietà di mela veniva interrata per la sua conservazione e mangiata in primavera.

ZONA DI PRODUZIONE: La coltivazione delle cultivar di melo del Basso Monferrato avviene da Cavagnolo ad Asti a Moncalvo, Odalengo Piccolo, Vignale e Casale Monferrato. Si è notato che, per garantire la loro tipicità, dovrebbero essere coltivate ad un’altitudine superiore ai 200 metri.

MATERIALI ED ATTREZZATURE SPECIFICHE UTILIZZATE PER LA CONSERVAZIONE E/O L’IMBALLAGGIO DEL PRODOTTO ORTOFRUTTICOLO INDICATO NELLA PRESENTE SCHEDA: Non si segnalano particolari attrezzature e materiali impiegati per la conservazione o l’imballaggio delle cultivar di mele in oggetto.

DESCRIZIONE DEI LOCALI DI CONFEZIONAMENTO E/O DI CONSERVAZIONE: I locali per la conservazione delle mele sono costituiti da magazzini e/o cantine in regola con le attuali disposizioni di legge riguardanti la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, ove il prodotto viene collocato in attesa della maturazione e delle commercializzazione.

DOCUMENTAZIONE ATTESTANTE LA VOCAZIONALITA’ TERRITORIALE CONSOLIDATA NEL TEMPO PER UN PERIODO NON INFERIORE AI VENTICINQUE ANNI DEL PRODOTTO ORTOFRUTTICOLO INDICATO NELLA PRESENTE SCHEDA: Non esistono testi documentati di questi tipi di cultivar, ma solo le testimonianze di persone anziane.

Bibliografia:

FONTE: B.U.R. Piemonte, Supplemento al numero 23 - 6 giugno 2002



Preferiti in Piemonte: